lunedì 10 settembre 2012

Una domenica tra mercato, pittura e cucina

Dopo un settimana piena di impegni, il matrimonio di mio cugino e la preoccupazione per gli impegni che avrò nei prossimi giorni, domenica abbiamo deciso di concederci una giornata di puro relax (si fa per dire, più che altro dovevamo dedicarci un po' alla casa e fare, finalmente, quei lavoretti che si posticipano di volta in volta).

Ok, ok, è vero, ci siamo presi anche la nostra pausa di svago e d'altronde, con il bellissimo cielo azzurro e terso di ieri, rimanere rintanati in casa sarebbe stata un'offesa all'estate e coscienti che a breve le giornate si faranno sempre più grigie e umide (facendoci rimpiangere addirittura il caldo torrido delle settimane scorse) abbiamo deciso di uscire due orette. Ieri mattina dunque ci siamo fatti una bella passeggiata al mercato di Camisano (Vicenza), chi lo conosce sa che è enorme. La proposta non poteva che essere mia, amo acquistare al mercato come quanto non sopporto entrare nei centri commerciali. La caoticità magari è la stessa ma l'atmosfera che si respira è tutt'altro che costruita e creata esclusivamente perché la gente "compri". In più, ogni volta che ho la possibilità di andarci, avverto la sensazione che i prodotti siano più sani, che il mercato sia rimasto un luogo dove le persone vendono perché credono nei loro prodotti e dove, si trova il tempo per spendere due parole e raccontarsi che "una volta si faceva così, una volta era". Un po' come funzionava nelle tanto rimpiante botteghe.

Siamo rientrati con sacchetti di verdura, formaggi, salumi, pane e ... un bellissimo cuore rosso per la nostra collezione e che appena appenderemo, vi farò vedere :)
Ristorati della gita fuori casa, ci siamo dedicati ai nostri compiti e finito, ho deciso di rilassarmi tra pitttura e cucina. Della mia "opera" vi scriverò quando sarà completata, nel frattempo posso però raccontarvi della torta di mele più buona del mondo, vi va?! :D



















TORTA DI MELE ... più buona del mondo ;)


La ricetta l'ho letta su Giallo Zafferano, la foto mi aveva fatto venire l'acquilina in bocca e complici delle gustose mele del frutteto di mio padre, ho pensato che non sarebbe stata una cattiva idea quella di farci colazione l'indomani. Qui potete trovare la ricetta originale mentre sotto riporto la mia versione.


Ingredienti

Per l'impasto:
150 g burro a temperatura ambiente
150 g zucchero di grezzo di canna
3 uova
180 g farina 00
20 g farina di mais (gialla)
1 bustina di lievito
1 cucchiaio di cannella in polvere
1 pizzico di sale
buccia grattuggiata di 1/2 limone non trattato
10 g zenzero fresco tritato
1 mela
60 g uvetta
30 g pinoli

Per la decorazione:
2 mele
succo di limone
1 cucchiaio di zucchero grezzo di canna
2 cucchiai di zucchero a velo
1 cucchiaino di cannella in polvere




Come si prepara

Impasto.
Scaldare il forno a 180 °C in modalità statica.
Imburrare e infarinare uno stampo per torte.
Mettere in ammollo l'uvetta.
Montare a neve ben ferma gli albumi e trasferire in frigo.
In una terrina amalgamare il burro tagliato a tocchetti con lo zucchero aiutandosi con lo sbattitore elettrico. Aggiungere i tre tuorli e e sbattere affinché il composto diventa omogeneo, poi unire lo zenzero, la buccia del limone, la cannella, il sale e mescolare.
Proseguire con gli ingredienti rimanenti seguendo il seguente ordine: le farine settacciate con il lievito - l'uvetta, i pinoli e la mela sbucciata e tagliata a tocchetti, e per ultimi, gli albumi mescolandoli molto delicatamente affinché non si smontino.
Trasferire il composto nello stampo del dolci e livellare con una spatola o il dorso di un cucchiaio di legno.

Decorazione.
Sbucciare e tagliare le altre due mele a spicchi e lasciarle per qualche minuto a macerare nel succo di limone. Disporre le mele sulla superficie della torta e spargerci sopra lo zucchero di canna. Infornare per 40 minuti.
A cottura ultimata estrarre la torta e lasciarla raffreddare, sformare e cospargere la superficie con lo zucchero a velo mescolato alla cannella.


Con questa ricetta contribuisco alla raccolta "La frutta la metto nel dolce" di Cucchiaio e Pentolone

9 commenti:

  1. anche io preferisco il mercato,tutta un altra cosa...dagli ingredienti la tua torta mi ha già conquistata...baci,buon lunedi:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tina, sono felice che ci siano persone che apprezzino ancora queste cose. Se fosse per me, bandirei tutti i centri commerciale e/o ipermercati, stiamo rischiando davvero di perdere quelle che sono le nostre tradizioni e tipicità per dar spazio ad un mercato industriale tutto uguale.

      Elimina
  2. Ciao Vale! :) Che buona, come sai ho fatto da poco una torta di mele ma segno subito questa ricetta golosissima e proverò presto anche la tua versione, le torte di mele non sono mai troppe! :D Io adoro il mercato, non c'è paragone... Un abbraccio grande e complimenti, buon inizio settimana! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che questo è il periodo delle torte di mele, in queste giorni spuntano come i funghi sui food-blog ... d'altronde la temperatura si è abbassata e la voglia di dessert freschi viene sostituita da quella di soffici torte. ;)
      Baciotto

      Elimina
  3. Risposte
    1. Ti assicuro che lo è! ;) Grazie Arianna! :)

      Elimina
  4. grazie per la ricetta, con zenzero e cannella deve essere buonissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sìììì, in effetti il gusto non è classico ma non ha nulla da invidiare alla torta di mele della nonna ;)

      Elimina
  5. Wau Valentina questa torta di mele mi piace proprio.. scura e rustica.. mi piace molto la torta di mele e ricette diverse e nuove mi affascinano

    RispondiElimina

Lasciatemi il vostro pensiero, sarò ben felice di leggere un po' di voi ...